Translate

Jodo

Il Jodo


Cenni sulla struttura della pratica

La pratica dello Shinto Muso Ryu si centra sul jojutsu, la scherma con il jo contro un avversario armato di odachi (spada lunga), kodachi (spada corta) oppure nito (entrambe le spade). Il curriculum consta di 64 kata raggruppati in sette serie, più tre tokushu waza (tecniche speciali fuori curriculum) e cinque hiden (tecniche segrete). Queste ultime sono note soltanto ai menkyo-kaiden, i praticanti con la più alta certificazione, incaricati della trasmissione del ryu.

In aggiunta a questo ricco programma di studio, la scuola prevede le cosiddette fuzoku bugei (arti associate, che si sono affiancate al jojutsu nel periodo feudale a Fukuoka). Due di queste vengono introdotte relativamente presto nel percorso d’istruzione: l’Uchida Ryu Tanjojutsu, una scherma con il tanjo (bastone corto) contro un avversario armato di odachi, che si costituisce attraverso12 kata, e lo Shinto Ryu Kenjutsu, ossia la scherma con l’odachi o il kodachi contro un avversario armato di odachi o nito, anch’essa fondata su12 kata.

Inoltre, i praticanti più avanzati (solitamente non prima della ricezione dell’Okuiri-sho, la prima certificazione tradizionale) possono essere introdotti a altre tre arti: l’Isshin Ryu Kusarigamajutsu, una scherma con un massiccio kusarigama (falcetto con catena) contro un avversario armato di odachi o yari (30 kata in tre serie), l’Ikkaku Ryu Juttejutsu, una scherma con il jutte (manganello d’acciaio) e il tessen (ventaglio di ferro) contro un avversario armato di odachi (24 kata in due serie), e infine l’Ittatsu Ryu Hojojutsu, ossia l’arte del legare un avversario già sottomesso (25 kata in 3 serie).

La scuola in Europa e in Italia

La Federazione Europea di Jodo (FEJ/EJF), fondata nel 1983 da Pascal Krieger, promuove la pratica dello Shinto Muso Ryu Jodo in tutta Europa. Krieger Sensei è stato allievo diretto di Shimizu Shihan dal 1969 al 1976 a Tokyo, ricevendo il go-mokuroku (penultima certificazione del ryu), e ha beneficiato dell’insegnamento di Kaminoda Tsunemori Sensei, menkyo-kaiden, e Donn F. Draeger Sensei, go-mokuroku fino agli anni ottanta. Dal 1994 è stato allievo di Nishioka Tsuneo Shihan, menkyo-kaiden, all’epoca il più anziano allievo vivente e attivo di Shimizu Sensei, ricevendo da lui il menkyo-kaiden. Su incarico di Nishioka Shihan, Krieger Sensei ha assunto la funzione di shihan del ramo europeo del Seiryukai, la branca dello Shinto Muso Ryu Shimizu-ha fondata da Nishioka stesso.

La prima introduzione dello Shinto Muso Ryu Jodo della scuola Seiryukai in Italia risale al 1998, quando si forma il primo gruppo di pratica regolare a Milano, guidato da Lorenzo Trainelli (attualmente menkyo-kaiden), allievo di Krieger Shihan dal 1992. Attualmente sono attivi otto dojo in varie città, sotto la supervisione di Lorenzo Trainelli e degli esperti Maria Rosa Valluzzi e Daniele Romanazzi, rispettivamente go-mokuroku e sho-mokuroku.

Contatti:
•    Lorenzo Trainelli – Seiryukan Dojo, Milano
•    Maria Rosa Valluzzi – Tsukikage Dojo, Padova
•    Daniele Romanazzi – Takehaya Dojo, Roma

Riferimenti:
•    Federazione Europea di Jodo (FEJ/EJF)
•    CV Lorenzo Trainelli